VisitTuscany
italiano english
Sigaro Toscano e Tabacco Kentucky

Frutto di una lunga tradizione che affonda le sue radici nella cultura e nel territorio della Valtiberina

Si vuole che il sigaro toscano sia nato per caso agli inizi dell’Ottocento, quando, in seguito ad un acquazzone estivo, un raccolto di tabacco bagnato iniziò a fermentare. Per non perdere il tabacco, fu deciso di utilizzarlo come ripieno di un nuovo tipo di sigaro che ebbe un clamoroso successo.

Il Toscano Extra-vecchio nasce nel 1953 grazie alle tecniche di perfezionamento del sigaro Toscano, è frutto di una lunga tradizione che affonda le sue radici nella cultura e nel territorio della Toscana. Slow Food Arcigola ha inserito il sigaro toscano tra i 91 presidi eno-gastronomici, valorizzando per la prima volta i Toscani Extravecchi come prodotto agricolo che rappresenta la filiera regionale dalla coltivazione del tabacco Kentucky in Valtiberina alla fabbricazione del sigaro.

Il toscano Extravecchio è un sigaro fermentato appartenente alla fascia”pregiati” ed è confezionato utilizzando i soli tabacchi Kentucky coltivati soprattutto in Valtiberina. Rispetto al tradizionale procedimento di lavorazione l’Extravecchio richiede una fermentazione più lunga e completa del ripieno, seguita, a confezionamento avvenuto, da un lungo periodo di maturazione. Insieme alla scrupolosa “cura a fuoco” delle foglie utilizzate, tale lavorazione conferisce all’Extravecchio un aroma tipico, un profumo gradevole e penetrante, un gusto forte e vivace.

 

Booking
share
Potrebbe interessarti